20 aprile 2017
Il tecnico dei Memphis Grizzlies, David Fizdale, è stato multato per 30,000 dollari dalla NBA in seguito alle critiche rivolte agli arbitri dopo la sconfitta 96-82 con in Gara-2 contro i San Antonio Spurs.

Fizdale aveva puntato l'attenzione sulla quantità di tiri liberi concessi a Kawhi Leonard rispetto a quelli concessi alla sua squadra.

Un'esplosione di rabbia conclusa con la frase simbolo di questa prima settimana di playoff: "Take that for data".

Lo sfogo del tecnico però è stato apprezzato dai giocatori, in particolare da Mike Conley, definito "un giocatore educato e con stile" da Fizdale.

"Appena abbiamo saputo la notizia - ha dichiarato Conley - gli abbiamo detto che non si sarebbe dovuto preoccupare di nulla perchè la multa l'avremmo pagata noi giocatori".

Un concetto ribadito anche da Zach Randolph: "Tutto quello che ha detto era vero. Lui si è fatto avanti per difenderci e questa è una multa che dobbiamo pagare noi. Ma quello che ha detto è la verità".

In difesa di Fizdale si è schierato anche il suo ex datore di lavoro: il presidente dei Miami Heat, Pat Riley.

"Non mi interessa quello che pensa la gente - ha dichiarato Riley - Credo che lui sia andato lì per combattere e difendere i suoi giocatori, la sua città. Credo che tutto quello che lui ha detto fosse vero. E per questo è stato criticato".