Social  
   
  Registrati
Accedi al nuovo sito per i tuoi acquisti

BROOKLYN, FOR THE WIN

BROOKLYN, FOR THE WIN

I Detroit Pistons scivolano fuori dalla zona playoff dopo la sconfitta 98-96 contro i Brooklyn Nets. Decisivo il canestro sulla sirena di Brook Lopez che chiude una serata da 29 punti di cui 20 solo nel secondo tempo, con 13/24 dal campo e 3/9 da tre. Una battuta d'arresto che brucia per gli uomini di Stan Van Gundy, al momento noni in classifica nella Eastern Conference ad una partita di distanza dai Miami Heat.
BOSTON, PROVA DI FORZA

BOSTON, PROVA DI FORZA

I Boston Celtics si impongono 110-102 sui Washington Wizards e consolidano il loro secondo posto nella Eastern Conference, a due sole vittorie dai Cleveland Cavaliers. Isaiah Thomas rientra dopo due partite di assenza segnando 25 punti e guidando l'attacco degli uomini di Brad Stevens. 20 punti per Avery Bradley e 16 punti a testa per Al Horford e Jay Crowder mentre per i Wizards, inutili i 19 punti di Bradley Beal e i 16 di John Wall.
BIG THREE DA 100 E LODE

BIG THREE DA 100 E LODE

101 punti: è il bottino di serata dei Big Three dei Cleveland Cavaliers nella vittoria 125-120 sui Los Angeles Lakers. Reduci dalla serata di riposo concessa loro da Tyronn Lue, le tre stelle dei Cavs riportano alla vittoria i campioni NBA dopo la sconfitta 78-108 con i Los Angeles Clippers. Top scorer di serata è Kyrie Irving con 46 punti mentre James e LOve chiudono rispettivamente con 34 e 21 punti.
HARDEN IN BACK TO BACK

HARDEN IN BACK TO BACK

Seconda tripla doppia consecutiva a 40 punti per James Harden che guida gli Houston Rockets alla vittoria 109-105 sui Denver Nuggets. Il Barba mette a referto anche 10 rimbalzi e 10 assist per un totale di 81 punti, 25 rimbalzi e 21 assist in 48 ore. Lo strappo decisivo arriva nel terzo quarto quando gli uomini di Mike D'Antoni chiudono 29-18 con 18 punti di Harden tra cui il buzzer beater del +6.
L'ONNIPOTENZA DI RUSS

L’ONNIPOTENZA DI RUSS

24 punti, 16 assist e 10 rimbalzi. Sono queste le cifre della tripla doppia stagionale numero 34 di Russell Westbrook, l'ultima di quattro consecutive e coincise con altrettante vittorie di OKC. I Thunder, infatti, si impongono anche sul campo dei Toronto Raptors per 123-102 in una partita dominata dagli uomini di Donovan con un parziale di 39-22 nel terzo quarto e un vantaggio di +32 prima del garbage time.
BLACK EYED HEAT

BLACK EYED HEAT

Nonostante un occhio nero, Goran Dragic trascina i Miami Heat alla vittoria 120-112 sui New Orleans Pelicans, un successo fondamentale per gli uomini di Eric Spoelstra che restano agganciati all'ottavo posto insieme ai Detroit Pistons. Il play sloveno chiude con 33 punti a cui si aggiunge la doppia doppia a 20 punti e 17 rimbalzi di Hassan Whiteside. Per i Pelicans, 19esimo fallo tecnico stagionale per DeMarcus Cousins.
DRAYMOND LO SCATENATO

DRAYMOND LO SCATENATO

C'è la firma di Draymond Green sulla vittoria 106-104 dei Golden State Warriors sui Philadelphia 76ers. E' lui ad alzare l'intensità difensiva e a guidare nel quarto quarto gli uomini di Kerr, sotto anche di 16 punti, alla rimonta con un referto finale che dice 20 punti 8 assist, 8 rimbalzi, 6 stoppate e 4 palle rubate. Chiudono il quadro i 29 punti per Curry, nel giorno del suo 29esimo compleanno, e i 28 di Klay Thompson.
KAWHI LEONARD IS BACK

KAWHI LEONARD IS BACK

Kawhi Leonard, al rientro dopo la partita saltata a causa del protocollo sulle concussion, firma 31 punti nella vittoria 107-99 con gli Spurs battono gli Atlanta Hawks e agganciano i Golden State Warriors in vetta alla Western Conference con il miglior record NBA. Gli uomini di Popovich, nonostante il record stagionale di 23 palle perse, strappano il 19esimo successo casalingo consecutivo grazie alle 16 triple mandate a bersaglio.
THE CONTENDERS

THE CONTENDERS

James Harden firma la sua 16esima tripla doppia stagionale (38 punti, 11 assist, 10 rimbalzi) e guida gli Houston Rockets alla vittoria 117-112 sui Cleveland Cavaliers. Per il Barba è la 31esima partita con almeno 30 punti in stagione con i Rockets che mettono le mani sulla vittoria grazie alla solita pioggia di triple (16 su 45) ma soprattutto per i rimbalzi offensivi conquistati (20-4). Per i Cavs, 30 punti di LeBron e 28 per Irving.
UNA PARATA SENZA STELLE

UNA PARATA SENZA STELLE

I San Antonio Spurs si impongono 107-85 sui Golden State Warriors privi, oltre all'infortunato Kevin Durant, di Stephen Curry, Klay Thompson, Draymond Green e Andre Iguodala tenuti a riposo da Steve Kerr. Assenze illustri anche per Gregg Popovich che oltre a Kawhi Leonard, costretto allo stop per il protocollo delle concussione, hanno perso a tempo indeterminato LaMarcus Aldridge a causa di problemi cardiaci.
RUSS COME CHAMBERLAIN

RUSS COME CHAMBERLAIN

Russel Westbrook firma la sua 31esima tripla doppia stagionale e raggiunge il record di Wilt Chamberlain, datato 1968. Il #0 dei Thunder chiude con 23 punti, 13 assist e 13 rimbalzi nella vittoria 102-92 di OKC sui san Antonio Spurs. Ora Westbrook, oltre al titolo di MVP, punta con decisione al record assoluto di Oscar Robertson che chiuse la stagione 196/62 con 41 triple doppie e con una media 30.8 punti, 12.5 rimbalzi e 11,4 assist.
COLPACCIO CELTICS

COLPACCIO CELTICS

I Boston Celtics sbancano la Oracle Arena e interrompono la striscia di 10 vittorie casalinghe consecutive di Golden State imponendosi 99-86. Gli uomini di Brad Stevens costringono i Warriors al punteggio più basso in tutta la stagione ma soprattutto concedono solo 12 punti nel quarto quarto. Curry e Thompson chiudono con 4 triple realizzate su 17 mentre Isaiah Thomas si conferma il solito attaccante implacabile con 25 punti.
THE BATTLE OF MVP

THE BATTLE OF MVP

James Harden mette a referto 39 punti e 12 assist. Houston, infatti, trova sulla sua strada un monumentale Kawhi Leonard che chiude anche lui con 39 punti (17 solo nel quarto quarto contro i 4 di Harden) firmando la tripla del sorpasso e la stoppata con cui ferma il Barba sull'ultimo tiro della partita. Gli uomini di Gregg Popovich si impongono 112-110 per la loro ottava vittoria consecutiva mentre Leonard si candida per il titolo di MVP.
E ALLA FINE UNA VITTORIA

E ALLA FINE UNA VITTORIA

Prima vittoria da compagni di squadra per Anthony Davis e DeMarcus Cousins. I New Orleans Pelicans, infatti, si sono imposti 105-97 sui Los Angeles Lakers allo Staples Center con 26 punti e 15 rimbalzi di Cousins e 31 punti di Anthony Davis. "Questa vittoria ci toglie un po' di pressione", ha commentato Cousins nel dopo partita. Per i Lakers, invece, è la settima sconfitta consecutiva dopo la pausa dell'All Star Game.
EMBIID, 31 AND DONE

EMBIID, 31 AND DONE

Joel Embiid resterà fuori per il resto della stagione. La notizia è stata diramata dai Sixers con un comunicato in cui viene spiegato che il problema al ginocchio che ha tenuto ai box il centro camerunese dallo scorso 27 gennaio in realtà è una lesione del menisco più grave del previsto. Embiid, alla sua prima stagiona in NBA dopo due anni passati in infermeria, chiude con 20 punti e quasi 8 rimbalzi di media.
5

                        Marzo 2017: NBA@70

Orlando Magic v Golden State Warriors

Meno partite, meno soldi: Steve Kerr è d’accordo

Quando parla Steve Kerr non lo fa mai in maniera banale: che sia sulla questione razziale, sull'utilizzo di droghe leggere o per un discorso
Portland Trail Blazers v Los Angeles Clippers

Mercato NBA: futuro ai Clippers per Carmelo Anthony?

Il futuro di Carmelo Anthony potrebbe essere a tinte rosso-blu, quelle dei Los Angeles Clippers.

E' quanto fa trapelare in maniera indiretta lo stesso Melo con alcune dichiarazioni rilasciate nella giornata di ieri e riportate da Marc Berman in un pezzo[...]

GettyImages-643012440

Niente riposo. Richiamo ufficiale di Adam Silver a tutte le squadre NBA

Il commissioner NBA Adam Silver ha inoltrato una nota a tutte le squadre per sensibilizzare i proprietari sul tema del riposo.

Il messaggio lanciato è che l'argomento è "una questione molto importante per la lega" e che da ora in poi le squadre che non rispetteranno gli accordi "saranno pesantemente sanzionate".

Si tratta di una mossa attesa e in qualche modo auspicata, in[...]
Golden State Warriors v Philadelphia 76ers

Golden State Warriors, polemica con OKC: “Non ha difeso Kevin Durant”

Ai Golden State Warriors non è piaciuta la maniera in cui la dirigenza degli Oklahoma City Thunder ha gestito il ritorno di Kevin Durant alla Chesapeake Energy Arena lo scorso 11 febbraio.

E' quanto fa trapelare ESPN attraverso il racconto di fonti interne che definiscono i Warriors "furiosi e sconcertati" per il fatto che nessuno fra i dirigenti dei Thunder abbia cercato di allentare[...]
LeBron

LeBron e la polemica sul riposo: “Dobbiamo vincere un titolo non una partita”

E' uno degli argomenti caldi in vista dell'inizio dei playoff: è giusto che gli allenatori decidano di fra riposare i propri giocatori?

L'ultimo caso in ordine di tempo è stato quello che ha visto coinvolto i Cleveland Cavaliers con Tyronn Lue che ha deciso di tenere in panchina LeBron James, Kyrie Irving e Kevin Love contro i Los Angeles Clippers, partita trasmessa in diretta[...]