Social  
   
  Registrati
Accedi al nuovo sito per i tuoi acquisti

HAWKS AI PLAYOFF

HAWKS AI PLAYOFF

Dopo 60 partite non puoi avere il miglior record per caso. La squadra forse più sottovalutata del campionato non finisce di stupire e contro i Rockets, privi però di Harden, dimostra ancora un grande carattere ed un’eccellente tenuta fisica vincendo la quinta di fila grazie ad una super rimonta. E con questo successo Atlanta è la prima squadra a qualificarsi per la post season: Teague 25+6a, Horford 18+8r. Terry 21, Jones 18+8r

THE CLOSER

THE CLOSER

Deve averci preso gusto l’ex alleato Jack. Dopo aver realizzato il canestro vittoria nei secondi finali nel match contro i Clippers esattamente un mese fa, per par condicio deve aver pensato di fare lo stesso contro i Warriors. Lopez 26+6r, Williams 22. Sotto di 10 a 4’ dalla fine Golden State si riporta in parità grazie ad uno scatenato Curry 26+7a, prima del dagger di Jack 9. Bogut 16+8r. Serata no per Thompson: 7 con 3/17 al tiro

VALANGA SPURS

VALANGA SPURS

La corsa per un posto al sole ad Ovest si fa sempre più entusiasmante con l’avvicinarsi della fine della regular season. Dimostrazione di forza di San Antonio che costringe Phoenix al peggior 1° tempo nella storia della franchigia (appena 24 punti) in una gara dominata dall’inizio alla fine: Leonard 22+10r. Per tentare di agganciare OKC all’8° posto ai rinnovati Suns serviranno ben altre prestazioni: 29,8% al tiro

RIVINCITA CLIPPERS

RIVINCITA CLIPPERS

Bruciava ancora parecchio la sconfitta in casa di 4 giorni prima, sfumata proprio nei secondi finali in modo decisamente beffardo. Ma vedere L.A. difendere con un’intensità raramente esibita quest’anno deve aver sorpreso piacevolmente coach Rivers. Successo importante a Memphis per i Clippers, che pur priva di Griffin in questo periodo stanno tenendo testa alle altre rivali della sua Conference: CP3 19+13r, Jordan 15+22r. Z-Bo 20+10r

THE OLD NEW WOLF

THE OLD NEW WOLF

Standing ovation per la prima partita dopo quasi 8 anni di Garnett con la maglia di Minnesota. Ed il ritorno di KG 5+8r fa benissimo ai Wolves, che dopo un mediocre inizio partita trovano in fretta le motivazioni giuste per rimontare e poi schiantare Washington fino al +20 finale: Martin 28, Wiggins 19, Pekovic 15+10r. Continua la caduta libera per gli Wizards privi di Beal e Pierce: 5 k.o. di fila e addirittura 10 perse nelle ultime 12. Gortat 9+15r

ROSE ANCORA K.O.

ROSE ANCORA K.O.

Sfortuna infinita per l’ex MVP del campionato, che sembra non liberarsi più da una sorta di maledizione che si è abbattuta su di lui da quando si ruppe il legamento crociato del ginocchio sinistro durante gara 1 dei playoff 2012. Rose dovrà essere nuovamente operato al menisco del ginocchio destro, lo stesso infortunio che lo mise k.o. nel novembre del 2013 facendogli saltare tutto il resto della scorsa stagione

RIMONTA MEMPHIS

RIMONTA MEMPHIS

Per la serie ‘com’è dura la vita per le contender nella Western Conference. Ai Blazers, non è bastato aver ben giocato 3 quarti ed essersi portati sul +13 davanti al proprio pubblico: ultimo quarto dominato dai Grizzlies (34-15) che si confermano la seconda forza dietro i Warriors. Quintetto titolare in doppia cifra: Gasol 21+6r, Lee 19, Conley 15+8a+6r. Pesante k.o. per Portland, scivolata ora al 4° posto dietro Houston: Lillard 18+7r

TONFO HAWKS

TONFO HAWKS

E’ Toronto ad uscire vincente nella sfida al vertice della Eastern Conference contro Atlanta. Con un 3° quarto devastante i Raptors spaccano in due una partita fino a quel momento equilibrata. Mattatore un Williams versione cecchino: 26 grazie un super 7/10 da tre. Vendicato alla grande il -21 subito proprio da Atlanta nel mese precedente: DeRozan 21+8r. 4° k.o. nelle ultime 7 per Atlanta, che tira solamente con il 33% dal campo

TRADE DEADLINE

TRADE DEADLINE

Tutto in 60 minuti… o quasi. Frenetica chiusura per gli scambi a stagione in corso. Ecco i movimenti più significativi: Aaron Afflalo passa da Denver a Portland. Kevin Garnett torna ai Wolves in cambio di Thaddeus Young. Phoenix cede Goran Dragic agli Heat ma prende Brandon Knight dai Bucks, ai quali finisce Michael Carter-Williams. OKC cede Reggie Jackson a Detroit ma si rinforza sotto canestro con Enes Kanter dai Jazz

MAGIC WESTBROOK

MAGIC WESTBROOK

E’ la Western Conference a vincere quest’anno l’All Star Game disputato al Madison Square Garden. Dopo la rimonta dell’Est con pareggio a quota 148, negli ultimi 4’ ci hanno pensato Harden 29, Paul 12 e Westbrook a consegnare il successo all’Ovest. MVP del match la guardia di OKC che ne realizza 41 (nuovo record i 27 nel solo 1° tempo), appena uno in meno del massimo assoluto stabilito nel 1962 del grandissimo Wilt Chamberlain

TORI SCATENATI

TORI SCATENATI

Finisce nel migliore dei modi per Chicago l’ultima partita in calendario prima della pausa per l’All Star Game. Vittoria convincente e importante per i Bulls, che duellano proprio con i Cavs per la leadership della Central Division. MVP del match un Rose 30+7a versione extralusso. Ancora ottimo Snell in sostituzione dell’infortunato Butler. Gasol 18+10r+6a. E’ solamente il 2° stop nelle ultime 16 per Cleveland: LeBron 31+5r, Irving 17+7r+6a

KING KARL

KING KARL

Si cambia ancora a Sacramento: dopo la defenestrazione a dicembre di Mike Malone, tocca ora a Tyron Corbin (fino ad oggi interim head coach) farsi da parte per l’arrivo di George Karl. L’ex head coach dei Nuggets approda ai Kings con in mano un quadriennale da quasi 15 milioni di dollari complessivi. Non sarà facile però riportare Sacramento tra le magnifiche 8 della Western Conference già dal prossimo campionato

MR. 1000

MR. 1000

Complimenti a coach Popovich, che dopo aver messo in bacheca la bellezza di 5 campionati vinti raggiunge un altro prestigioso, e meritato, traguardo: con il successo dei suoi Spurs in casa dei Pacers sono diventate 1000 le vittore in carriera da head coach. San Antonio rimonta da 14 nel 4° periodo e con Belinelli 12 realizza il canestro del sorpasso nei secondi finali: Parker 19+6a, TD 15+8r. West 10+18r+7a, Stuckey 18

DOMINIO THUNDER

DOMINIO THUNDER

La lotta per entrare nei playoff ad Ovest si fa sempre più serrata, con OKC che torna al successo dopo la bruciante sconfitta contro i Pelicans disintegrando i Clippers, o meglio quello che ne resta dopo gli infortuni a Griffin e Redick. L.A. resiste solo il 1° quarto prima di essere spazzata via da KD 29+6a e compagni. Westbrook 19+11r. Periodo nerissimo per i Clippers, al 4° k.o. di fila e davvero inguardabili in difesa: CP3 18+13a

RISCATTO BLAZERS

RISCATTO BLAZERS

Gennaio non è stato certo un gran mese per Portland (6-9 il record) dopo una prima parte di stagione da urlo. Ma in questa ultra competitiva Western Conference a volte basta poco per invertire la rotta, in positivo e in negativo. Con Lopez rientrato dopo l’infortunio alla mano i Blazers hanno vinto il 2° match di fila. Contro i Suns decisivo un super 4° quarto (42-22): Batum 20+7a, Aldridge 19+13r. Markieff Morris 18+8r, Bledsoe 17+7r

Cover

                        MARZO 2015: MISSIONE ANELLO

Cover

MARZO 2015: MISSIONE ANELLO

C’è un’immagine dell’ultimo All-Star Game che mi è rimasta fortemente impressa negli occhi, nella mente, forse più di tutto nel cuore. Alla palla a due della partita della domenica, al Madison Square Garden (“the World’s Most Famous Arena”), hanno saltato due fratelli nati a Barcellona negli ...
Cover 96: Who's Bad

FEBBRAIO 2015: WHO’S BAD

La NBA ci ha abituato a vari gradi eccentricità nel corso degli anni. Quella dei completi da “bulli & pupe” di “Clyde” Frazier nei gloriosi anni ’70 newyorchesi (sfoggiati ancora oggi dietro a un microfono). Quella aliena – ricordatevi che veniva dal pianeta Lovetron – di Darryl Dawkins negli anni ‘80 (“Chocolate Thunder” aveva pure un soprannome per ognuna delle[...]
Cover: C'era una volta Lakers vs Celtics

GENNAIO 2015: C’ERA UNA VOLTA LAKERS VS CELTICS

Alla fine è la passione il motore di tutto. La nostra, la loro, la vostra. Passione (la nostra) è fare otto ore di pullman per non perdersi la sfida tra due squadre che hanno 5 vittorie a testa, una a fronte di 11 sconfitte, l’altra addirittura di 14. Si chiamano Boston Celtics e Los Angeles Lakers, però, e allora cambia tutto. Passione è entrare al TD Garden, emozionarsi anche[...]
Cover #94: Basketball is Fun!

DICEMBRE 2014: BASKETBALL IS FUN!

Non si va a vedere una partita dei Golden State Warriors. Si va in pellegrinaggio da Steph. Senza voler nulla togliere al suo fratello di “splash”, Klay Thompson. Ai fondamentali torta-di-mele (made in North Carolina) di Harrison Barnes. All’atletismo e al gioco all-around di Andre[...]

REGOLAMENTO CONCORSO “VINCI L’ALL-STAR GAME 2015″

Ai sensi dell'art.13 D.Lgs. 196/2003 i dati personali conferiti saranno trattati allo scopo di consentire all'interessato la partecipazione al concorso; di essi verrà a conoscenza esclusivamente il personale di Libreria dello Sport S.r.l. appositamente incaricato, I dati saranno conservati nei termini previsti dalla legge per la verifica della regolarità delle operazioni concorsuali. Il[...]